mercoledì 21 marzo 2012

Ho carezzato la pioggia



… ho carezzato la pioggia ,
ho carezzato te amore!
Ho toccato la tua purezza
di femmina passionale
nasce in te sincera …
è l’incredibile fiore che sboccia
negli'occhi del tuo crepuscolare …
… e ho visto nell’enormi paludi

marcire lavatoi e giunchi ,
in mezzo al mare
apparire ombre scure.
Il fiorente fiume
m’ha cullato il tuo divenire …
Ed io carezzo la pioggia
e vedo te che sei nuda …
Ubriaco della tua acqua
mi svesto e stendo le bandire ,
è la mia resa?
Esco dall’ignoto
e entro in te procace .
… e dalle immense cale
dove l’azzurro
si confonde con il cielo ,
mi perdo nelle crini ,
tu l’amore cinto di fonte pura:
solco che fa crescere germoglio
sei grano maturo da seminare .
Ho carezzato la pioggia
e il tuo intimo si bagna,
stropicciato da te
 lo stendo e lo annuso ,
lo asciugo sulla mia carne
che s’impregna come fuoco.
Sono desideri
che con me non finiranno mai …


Poetanarratore.

Nessun commento:

Posta un commento